Il CRM e i nuovi business di e-commerce digitale

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

iPhone, due nuovi spot: Song e Gift

leave a comment »

Sui network televisivi statunitensi sono andati in onda due nuovi spot per iPhone intitolati “Song” e “Gift”. Come di consueto, in entrambi i video, vengono mostrate sei applicazioni disponibili nell’App Store, sottolineando come ormai siano disponibili più di 100.000 applicazioni tra cui scegliere. Gli spot confermano, se ancora ce ne fosse bisogno, che App Store rimane a ragion veduta uno dei punti cardinali nelle strategie di marketing di iPhone.

 

—————–

Fonte: theapplelounge

Annunci

Written by cuky85

18 novembre 2009 at 12:38

Pubblicato su Uncategorized

Ebooks Are Thriving On The App Store

leave a comment »

Flurry, the San Francisco-based mobile analytics company that told us about app addiction earlier today came up with some interesting new App Store charts. They’ve been watching the number of newly accepted apps to the App Store since its launch and the proportions really didn’t change much for over a year, games were always the number one category.

Surprisingly the tendency suddenly changed this September, the amount of newly released Ebooks started to rise and quickly overtook games in the App Store. It looks like Book Editors are porting their entire catalogs to the iPhone, exactly what happened with Game Editors a year ago:

In October, one out of every five new apps launching in the iPhone has been a book. Publishers of all kinds, from small ones like Your Mobile Apps to mega-publishers like Softbank, are porting existing IP into the App Store at record rates. […] we observed that during the month of August 1% of the entire U.S. population was already reading a book on the iPhone. Now, with books shipping in droves, we are seeing the supply-side explode.

 

fonte: appadvice

Written by cuky85

5 novembre 2009 at 17:12

Pubblicato su Uncategorized

Virtual Goods To Reach $1 Billion In 2009

with one comment

Virtual goods are turning into a real business. A new study estimates that the total U.S. market size for virtual goods will hit $1 billion this year — twice the 2008 amount. The report by Justin Smith, editor of InsideFacebook.com and Charles Hudson of Serious Business, also projects that virtual goods sales will reach $1.6 billion in 2010.

“One of the major forces that has led to growth in virtual goods this year is the explosion and seeming ubiquity of social networking in the U.S.,” said Smith in an interview. Combine that with the popularity of gaming and marketing savvy and you have the perfect storm boosting demand for virtual goods.

Virtual goods are typically offered in free Web applications or games to let users accessorize avatars or supply weapons or other items that will help players speed their progress through games. They’re purchased directly by credit card, PayPal or other payment method or “earned” by accepting offers, like signing up for a trial subscription of Netflix or taking a brief research survey.

In addition to the app and game developers that benefit from virtual goods sales, the second method alone has spawned some 15 companies in the last two years such as Offerpal Media and SuperRewards that are thriving as well. “It’s almost like the ad network explosion of a few years ago,” said Smith.

Allowing these new types of businesses to flourish has been the expansion of social networks such as Facebook and MySpace, which provide the platforms for users to easily access the games and applications where virtual merchandise is sold. Facebook has gotten into the game itself with its own gift store selling things that like virtual flowers that can be purchased with Facebook “credits”-the company’s virtual currency.

Facebook has recently begun allowing third-party developers to sell virtual goods inside the gift shop and to accept Facebook credits ($1 buys 10 credits) as a payment method inside apps. Its virtual goods business is projected to make up about 10% of Facebook’s estimated revenue of $500 million this year.

Companies such as AdNectar are also launching branded virtual goods on Facebook, Twitter and LiveJournal on behalf of marketers such as Godiva Chocolates, ING, Gillette and Lionsgate. “A side angle is that some branded virtual goods are being sponsored inside of social networks and third-party apps by advertisers who now think of them as a more engaging ad unit,” noted Smith.

Besides social networks and apps, the report also indicated that virtual worlds such as Second Life and massively-multiplayer online games also continue to grow as meaningful parts of the virtual goods market.

fonte: www.mediapost.com

Written by cuky85

17 ottobre 2009 at 14:15

Pubblicato su Uncategorized

AppStore come una droga?

leave a comment »

Secondo un’indagine condotta da ABC7,  sembrerebbe che molti utenti iPhone siano letteralmente “”drogati” di applicazioni.

<object id=”otvPlayer” width=”400″ height=”268″>
<param name=”allowScriptAccess” value=”always”></param>
<param name=”allowNetworking” value=”all”></param>
<param name=”allowFullScreen” value=”true”></param>
<embed id=”otvPlayer” width=”400″ height=”268″ type=”application/x-shockwave-flash”
allowscriptaccess=”always” allownetworking=”all” allowfullscreen=”true”
</embed>
</object>

Molti intervistati, infatti, hanno ammesso di non poter far a meno di scaricare e utilizzare le applicazioni AppStore, ed alcuni di essi hanno affermato di aver fatto ricorso allo psicologo per “curarsi”.

L’AppStore è una nuova droga?

fonte: http://www.iphoneland.it, http://www.iphoneitalia.com

Written by cuky85

15 ottobre 2009 at 12:48

Pubblicato su Uncategorized

Windows Marketplace is here

leave a comment »

Microsoft released the new Windows Mobile version 6.5. One of the new features is the Windows Mobile app store, called Marketplace. Initially, it will only be available on new phones with the newest version  6.5 operating system. Current Windows Mobile 6.0 and 6.1 users will get access to the store later this year.

Windows Marketplace launched with 246 available applications. Microsoft previously announced that the store would contain over 600 apps at launch.

Consumers that want to purchase applications can pay using credit card or operator billing with a selection of carriers. Marketplace also contains an operator specific section and will be rolled out in 29 different countries.

Windows native applications and widgets are accepted. At this moment it is not possible to submit Java applications. Both paid and free applications are supported. Developers are able to charge one time fees for their applications, or offer them for free. The revenue share for developers is 70%, in line with most competitor stores.

Microsoft also announced that the content in the store will be growing rapidly over the coming months. It will be interesting to see how the content and pricing will develop and if successful developers on other platforms will publish their content in Marketplace.

Developers that want to publish their apps in Windows Marketplace can go here.

fonte: www.distimo.com

Written by cuky85

8 ottobre 2009 at 16:34

Pubblicato su Uncategorized

Cellulari: una corsa durata quasi 50 anni

leave a comment »

Ogni viaggio inizia con un piccolo passo. La storia dei cellulari inizia con un ingrombrante dispositivo negli anni ’50 e, oggi, non è ancora terminata. Anni fa una celebre gag di Woody Allen lo vedeva passare di locale in locale e telefonare (da un fisso, ovviamente) a tutti coloro che conosceva per dare la sua esatta posizione e reperibilità. Non appena si spostava il ciclo ricominciava. Oggi in molti non si ricordano nemmeno più com’era la vita prima dei cellulari e degli smartphone. Migliore? Chissà.

Sicuramente diversa. Questa è una carellata dei prodotti che hanno fatto la storia di questa tecnologia e siccome noi a Wired amiamo il progesso e la tecnologia, non vediamo l’ora di aggiornarla con qualche altra voce…

SRA/Ericsson MTA (Mobile Telephone System A)

Uno dei primissimi esemplari, acquistato da ben 157 persone in due città svedesi. Non guardatelo male, perché ai tempi era l’unico modo per portarsi dietro un telefono funzionante e parlare senza bisogno di connettersi al centralino (ricordate le signorine che si vedevano nei film intente a collegare cavetti e spine in enormi pannelli? Ecco, quelle).

Motorola DynaTAC 8000X

Il primo amore non si scorda mai. 1983, dopo dieci anni di tentativi, prototipi e leggende metropolitane, arriva il primo, vero cellulare della storia. Pesa parecchio, ha un’autonomia pari a zero e costa un botto, quasi 4000 dollari del tempo che, oggi corrisponderebbero al doppio). La facilità d’utilizzo però, lo rende accessibile davvero a chiunque:la rivoluzione è iniziata.

Nokia Mobira Talkman

Il più grosso problema del Dynatac era la durata delle batterie:appena un’ora e poi una vita per ricaricarle. Questo Nokia, uscito nel 1984, era decisamente migliore quanto a durata, anche se peccava parecchio quanto a portabilità. Vabbè, la casa finlandese avrebbe avuto modo di rifarsi negli anni a venire…

Motorola MicroTAC

L’aggeggio si fa piccolo. Motorola s’inventa la chiusura a guscio che caratterizzerà la sua offerta commerciale per i successivi vent’anni (siamo nel 1989). È il primo cellulare davvero tascabile ed il più piccolo e meno ingombrante della sua categoria al debutto sul mercato.

Motorola 2900 Bag Phone

Da noi forse no ,ma in America i Bag Phone negli anni ’90 erano ancora piuttosto popolari e questo modello, uscito nel 1994, l’anno in cui perdevamo ai rigori il mondiale di calcio col Brasile, ne è la conferma. Ovviamente il punto di forza era la durata delle batteria (e vorremmo anche ben vedere…)

Motorola StarTAC
Nel 1996 Motorola allarga il guscio all’intero cellulare che scompare magicamente nella mano del suo fortunato possessore, I telefonini non sono più un bene riservato a pochi e le compagnie telefoniche cominciano ad investire enormi somme nella pubblicità.

Nokia 9000i Communicator

Contrariamente a quanto pensano in molti non è il primo Smartphone della storia (medaglia che va appuntata al petto dell’IBM Simon), ma di certo ai tempi era l’oggetto dei desideri di tutti i manager che trovavano le funzioni dei cellulari troppo limitate. 8 mega di ram ed una cpu derivante dai vecchi 386 lo rendono un mini-mini personal computer. E va su internet!

Nokia 8810
Tagliamo l’antenna? Ok, leviamola. Questo modello è il primo della storia “compatto”, senza miniantenne che rischiano di finirvi in un occhio se non state attenti. Nokia s’inventa anche un guscio a scorrimento che diventerà un must dei modelli che seguiranno.

Nokia 7110

La parola WAP a molti non dirà nulla oggi, ma nel 1999 era il top della tecnologia applicata alla multimedialità. I cellulari cominciavano ad essere non solo mezzi per telefonare ma anche per mandare messaggi e mostrare le prime applicazioni non strettamente legate alla telefonia. Su internet si va più veloce ed i costi si abbassano.

RIM BlackBerry 5810

La storia dei Blackberry inizia nel 1999 ma il primo modello di grande successo, nemmeno troppo dissimile da quelli attuali, fatte le debite proprozioni, è questo. Si possono scrivere testi, leggere e mandare email, inizia il regno di un brand al top ancora oggi.

Sanyo SCP-5300

L’inserimento di una fotocamera all’interno di un cellulare non poteva che venire ai giapponesi:Spint e Sanyo commercializzano questo cellulare nel 2002 in America ottenendo un enorme successo. Da allora in poi, tutti i telefonini cominceranno a fare concorrenza alle macchine fotografiche prima e alle videocamere poi.

T-Mobile Sidekick/Danger Hiptop

In America questo era il sogno proibito di tutti coloro che amano messaggiare alla follia.Design accattivamente, molto hi-tech, display grande e dalla eccezionale visibilità, ergonomia, tasti comodi da utilizzare e un’aura futuribile.

Motorola Razr V3

I display si fanno a colori, si possono visualizzare anche a telefonino chiuso e le applicazioni multimediali diventano l’elemento più importante di un oggetto che, sì, a volte serve anche per chiaccherare con amici e parenti. Immensamente popolare, anche grazie ad un design accattivante ed un peso ridottissimo.

Apple iPhone

ROTFL. Mica vorrete che ne parliamo?

fonte: http://www.wired.it

Written by cuky85

6 ottobre 2009 at 14:00

Pubblicato su Uncategorized

AdMob: iPhone sale al 40% del market share smartphone globale

leave a comment »

Escludendo Asia ed Africa, secondo l’ultima ricerca firmata da AdMob l’iPhone di Apple detiene una fetta notevole dell’intero mercato smartphone globale, e le percentuali mosse dal telefono con la mela sono semplicemente eccezionali.

Se soltanto sei mesi fa eravamo fermi al 33%, ora la percentuale di pubblicità appartenente al network AdMob e visualizzata su iPhone OS è salita al 40%, scalzando Symbian e ponendo iPhone al primo posto della classifica, seguito da un qualche modello di HTC, Nokia, Palm e RIM BlackBerry.

I dati snocciolati sin qui sembrano dimostrare il declino di Nokia, che tuttavia detiene ancora un successo importante: ben 12 dispositivi tra i 20 più diffusi nel network AdMob appartengono alla società finalndese. Cala lievemente anche RIM, presente nella top 20 con 7 BlackBerry, mentre Google Android cresce molto rapidamente in Nord America ed Europa; l’HTC Magic appartiene alla top ten degli smartphone AdMob. Ed anche il Palm Pre ha avuto una ripresa, giustificata tuttavia soprattutto dall’introduzione di nuovi publisher nel network.

AdMob Mobile Metrics rappresenta la registrazione del flusso di dati che fluisce nel circuito pubblicitario della società, stilata di mese in mese. Le statistiche, dunque, non riflette le vendite o il numero di dispositivi unici presenti sul mercato, quanto piuttosto le impressioni pubblicitarie in mobilità all’interno di siti e applicazioni partner. E le ricerche tengono sempre conto anche dell’iPod touch poiché, pur non essendo un telefono, mutua dall’iPhone il Sistema Operativo e accede agli stessi suoi contenuti.

fonte: http://www.melablog.it

Written by cuky85

1 ottobre 2009 at 13:38

Pubblicato su Uncategorized